I fratelli Grimm

La vita e le fiabe dei fratelli Grimm

Siete sicuri di aver letto una fiaba originale dei fratelli Grimm? Molto probabilmente no, sono una versione rivisitata e addolcita, per renderla più adatta ai bambini. Infatti i fratelli Grimm, quando raccolsero le varie storie tramandate oralmente tra la gente, le trascrivevano, ma il loro intento non era quello di pubblicare libri di storie per bambini. I Grimm erano interessati alle tradizioni popolari e alle radici della cultura e lingua tedesca. La pubblicazione delle fiabe doveva contribuire a riscoprire un’identità nazionale tedesca che alla loro epoca non ancora esisteva.

Le loro storie erano piene di personaggi fiabeschi, di mondi incantati, di magia e di fantasia, ma anche di cattivi, di bestie feroci, streghe, di violenza, abusi e di situazioni terrificanti. L’unica cosa che i Grimm eliminarono dai racconti furono le allusioni e contenuti sessuali di cui queste storie erano piene. Altrimenti, alla loro epoca, non sarebbe neanche stato possibile pubblicarle.

Dopo la pubblicazione dei tre volumi di “Fiabe per bambini e famiglie” (1812-1822), non passò molto tempo che uscirono delle versioni “depurate”. Jacob Grimm fu contrario a queste modifiche, ma alla fine erano proprio queste versioni modificate che avrebbero costituito la loro fama.

fratelli Grimm

I fratelli Grimm nacquero nel 1785 (Jacob) e nel 1786 (Wilhelm) a Hanau, vicino a Francoforte. Studiarono giurisprudenza a Marburg, ma i loro interessi si concentrarono presto sulla storia della lingua e letteratura tedesca. Con le loro ricerche e le loro pubblicazioni posero le basi per un approccio scientifico alla germanistica e alla linguistica.

Dal 1837 al 1841, Jacob e Wilhelm Grimm fecero parte di un gruppo di sette professori dell’Università di Gottinga che protestavano pubblicamente contro l’abrogazione della costituzione liberale dello stato di Hannover. Questi professori divennero famosi in tutta la Germania col nome “Die Göttinger Sieben” (I sette di Gottinga). Tutti e sette furono licenziati e tre di loro furono persino esiliati. I Grimm contribuirono attivamente a formare un’opinione pubblica democratica in Germania e sono considerati progenitori del movimento democratico tedesco che, nel 1848, fu protagonista dei moti rivoluzionari che però non ebbero lo sperato successo.

I Grimm oltre ad aver contribuito a formare la cultura e l’opinione pubblica tedesca, ma anche la lingua. Infatti all’inizio dell’Ottocento, la Germania si compone di centinaia di piccole nazioni e principati, che in comune avevano la lingua tedesca. Anche per questo motivo i fratelli Grimm decidono di trascrivere le fiabe con cui entrano in contatto o che ideano: per contribuire alla nascita di un’identità tedesca. Ciò viene reso possibile, tra l’altro, dalla realizzazione del “Deutsches Woerterbuch”, un dizionario tedesco poco noto al pubblico moderno ma che rappresenta una tappa fondamentale per la costituzione della lingua tedesca attuale.
Il dizionario dei Grimm, composto da 33 volumi che ancora oggi viene ritenuto la fonte più autorevole per l’etimologia delle parole tedesche. Inoltre Jacob Grimm, ha formulato in linguistica la legge relativa alla prima mutazione consonantica, chiamata appunto “legge di Grimm”.

Wilhelm Grimm muore nel 1859, mentre Jacob scompare nel 1863: i loro corpi vengono sepolti a Schonberg, un quartiere di Berlino, nel cimitero di St. Matthaeus Kirchoof.

I fratelli Jacob e Wilhelm Grimm sono ricordati per la loro importante attività di linguisti nella loro patria, ma nel mondo sono ricordati soprattutto per aver raccolto e rielaborato numerose fiabe popolari.

Tra le loro fiabe più famose troviamo:

Biancaneve e i sette nani

Biancarosa e Rosella

Cappuccetto Rosso

Cenerentola

Hansel e Gretel

I Musicanti di Brema

I Sette Corvi

Il Lupo e i Sette Capretti

Il Pifferaio Magico (di Hamelin)

Il Principe Ranocchio

Il Re Bazza di Tordo – Re Mentone

L’Oca d’oro

L’Uccello d’oro

La Bella e La Bestia

La Casa Nella Foresta

Pollicino

Raperonzolo

Rosaspina (La bella addormentata nel bosco)

Tremotino

Consiglio di visionare anche il loro sito ufficiale cliccando su questo link